Giu 20, 2013 - Senza categoria    4 Comments

AMP

E così, ancora 15 giorni, poi te ne andrai.

Praticamente dall’altra parte del mondo.

Lontano.

Sei sempre stato lontano, d’altronde, fatto salve per quei due mesi

in cui eri una presenza costante.

Giornaliera.

No, notturna.

Emergevi dalle tenebre, per poi riscomparirvi risucchiato.

Credo che ormai sia perfettamente a conoscenza del fatto che

ti devo lasciar andare

e che la mia vita non è uno di quei romanzi che mangio avidamente

e nei quali comunque, in qualche modo, anche se negativamente

tutto torna.

No, non è questo il caso.

Non ci sono variabili, possibilità.

Il tranchant mi urta l’animo,

così come le tue parole come lame taglienti.

Se potessi, ti direi tutto ciò che mi passa per il cervello

ma sai,

non mi interessava averti per una notte.

Sia chiaro che non significa il contrario

ciò che ti avrei voluto tutta la vita

ma non sarei stata in grado di gestire l’abbandono

e tu non l’hai capito.

Non sono le aspettative che mi fregano

ma è la mancata fiducia nelle persone che mi frena

quindi ho bisogno di sapere

e poi decidere

la tua era la proposta di una notte insieme

e io prima ho valutato

e ho cercato di fare di tutto affinché fosse il più vicina possibile alla tua partenza

per non rischiare di desiderare di volerti vedere ancora.

Ad ogni modo, sei una delle poche persone che sanno chi sono,

dietro questo nickname

quindi se mi leggi, sappi che queste parole sono per te

AMP

e che anche i miei pensieri, in questo caldo terribile,

son per te

per quello che farai

per quello che conquisterai.

Nonostante tu pensi che io sia del tutto priva di sogni

o di iniziative

mi piacerebbe tu capissi che non è così

ma è la difficoltà dovuta a tante troppe cose che non sai che mi sono accadute

che  mi impedisce di essere spensierata.

Spiacente di averti disatteso.

Il mio biglietto scade il 5, lo stesso giorno in cui tu te ne andrai.

E’ ancora lì, intatto nel portafoglio.

Ci ho pensato tanto

e la cosa che mi emozionava di più era il primo contatto visivo

come sarebbe stato?

ci sarebbe stato un abbraccio?

come saresti stato, glaciale?

Ma soprattutto,

dimmi,

ci rivedremo mai?

 

FacebookTwitterGoogle+Share